4 dic 2015

Storia di Natale

Una storia di Natale  di Paulo Coelho


Racconta un’antica e nota leggenda, di cui non ho potuto appurare l’origine, che una settimana prima di Natale l’Arcangelo Michele chiese ai suoi angeli di visitare la Terra: desiderava sapere se era tutto pronto per la celebrazione della nascita di Gesù Cristo. Li inviò a coppie, sempre un angelo più anziano con uno più giovane, in modo da poter avere un’opinione più completa di quanto avveniva nella Cristianità.

Una di queste coppie fu designata per il Brasile e finì per arrivare a notte fonda. Non avendo dove dormire, i due angeli chiesero ospitalità in una delle grandi dimore che si possono vedere in certi quartieri di Rio de Janeiro.

Il padrone di casa, un nobile sull’orlo del fallimento (cosa che, tra l’altro, accade a molti degli abitanti di quella città), era un cattolico fervente, e riconobbe subito gli inviati celesti, dalle aureole dorate che avevano sul capo. Ma era molto occupato nei preparativi di una grande festa per la celebrazione del Natale e non voleva mettere in disordine le decorazioni quasi ultimate: li pregò di andare a dormire in cantina.

Anche se i biglietti di Buone Feste sono sempre illustrati con la neve che scende, in Brasile la festività cade in piena estate: nel locale dove gli angeli furono mandati faceva un caldo tremendo e l’aria – carica di umidità – era quasi irrespirabile. I due si coricarono su un pavimento duro, ma prima di dedicarsi alle preghiere, l’angelo più anziano notò una crepa sul muro. Si alzò, la riparò servendosi dei suoi poteri divini, e tornò alla preghiera serale. I due trascorsero la notte come se si trovassero all’inferno, tanto era caldo.

Dormirono molto male, ma dovevano compiere la missione che era stata loro affidata da Dio. Il giorno seguente, percorsero la grande città – con i suoi 12 milioni di abitanti, le sue spiagge e le sue montagne, i suoi contrasti, i suoi paesaggi bellissimi e i suoi quartieri orribili. Stesero il loro rapporto, e quando scese di nuovo la sera, iniziarono il viaggio verso l’interno del Paese. Ma, confusi per la differenza d’orario, ancora una volta si ritrovarono senza un posto dove dormire.

Bussarono alla porta di un’umile casa, dove andò ad aprirgli una coppia. Poiché non aveva accesso alle incisioni medievali che raffigurano i messaggeri di Dio, la coppia non riconobbe i pellegrini, ma – disse loro – se avevano bisogno di un riparo, la casa era a disposizione. Prepararono la cena, presentarono il bimbo appena nato e offrirono la loro stanza, scusandosi del fatto di essere poveri: faceva molto caldo, ma loro non avevano i soldi per comprare un condizionatore d’aria.

Quando, l’indomani, i due angeli si svegliarono, trovarono la coppia in un mare di lacrime. L’unico bene che possedevano, una mucca che forniva latte, formaggio e sostentamento alla famiglia, era stata rinvenuta morta nel campo. E infine salutarono i due pellegrini, vergognandosi di non potergli offrire una colazione.

Mentre camminavano sulla strada sterrata, l’angelo più giovane manifestò la sua ribellione:

– Non riesco a capire un simile modo di agire! Il primo uomo aveva tutto ciò che gli occorreva, eppure voi lo avete aiutato. Quanto a questa povera coppia, invece, che ci ha accolto così bene, non avete fatto niente per alleviare la loro sofferenza!

– Le cose non stanno come sembrano – disse l’angelo più anziano. – Mentre eravamo in quell’orribile scantinato, ho notato che c’era una grande quantità d’oro ammucchiata nel muro di quella grande casa, lasciata lì da un vecchio proprietario. La crepa stava mettendo in mostra parte di quel tesoro, e io ho deciso di nasconderlo di nuovo, perchè il padrone di casa non sapeva aiutare chi ne aveva bisogno.

“Ieri, mentre dormivamo nel letto che la coppia ci aveva offerto, ho notato che era arrivato un terzo invitato: l’angelo della morte. Era stato inviato per portare via il bambino, ma, visto che lo conosco da anni, l’ho convinto a togliere la vita alla mucca, al suo posto”.

“Ricordati del giorno che sta per essere celebrato: dato che le persone danno molto valore all’apparenza, nessuno volle accogliere Maria. Ma i pastori l’accolsero, ed è per questo che ricevettero la grazia di essere i primi a contemplare il sorriso del Salvatore del Mondo.”


fonte: http://warriorofthelight.com/ital/index.html

...e che la Forza sia con te e con tutti noi! ^ _ ^ mv 

1 commento:

mariella ha detto...

Bellissima questa storia!