4 giu 2016

Questione di tempo

Che strana giornata è oggi?!

C'è una concentrazione altissima di cose e di situazioni che si sono date appuntamento, tutte insieme e tutte in una volta, per essere recuperate o per essere rivalutate, per essere gestite.

Cose in attesa di essere espletate. Cose che richiedono di essere guardate e prese in considerazione. Cose che vanno fatte.

Cose che necessitano di tempo, del tuo tempo.

Ci sono giorni in cui ci si aggira tra mille cose da fare, mille impegni, cose che si accumulano e che si accavallano... Ci sono giorni in cui ci si ritrova in tutt'altre faccende affacendati, per (o pur di?) non fare quello che va fatto.

E corri, corri corri... E dopo tanto correre e agitarsi, ci si sente stanchi, magari senza aver concluso nulla. Stanchi e frustrati. Stressati.

Oppure si procrastina. Si rimanda a "quando avrò più tempo”, si rimanda all'infinito. E le cose in sospeso rimangono sempre in sospeso, in attesa di essere sbrigate e terminate.

E ancora: molto spesso non si trova, non lo si vuole trovare, nemmeno il tempo per avere il tempo di... trovarlo, il tempo da dedicare a se stessi e ai propri cari... quello per fare una passeggiata... quello per fare una telefonata... . 

E poi ci sono le priorità, che sono attività quasi sempre noiose. Quelle hanno la precedenza, vanno fatte e vanno fatte in fretta, subito! ...in barba alla tua non voglia.

Ci sono dei periodi in cui, per davvero, il tempo sembra non bastare mai. 
A meno che… ci si dedichi ad occupazioni che ci appassionano e che amiamo. In questo caso il tempo non esiste, potresti saltare il pranzo, la cena, dormire pochissime ore per notte e sentire dentro un’energia inesauribile. La stanchezza non sappiamo cosa sia, anzi ci sentiamo sempre più ricaricati.

Quando siamo occupati in attività che amiamo svolgere, diventiamo come i bambini che quando giocano non sentono la fame, non sentono la sete e nemmeno il bisogno di fare pipì. E al richiamo della mamma, perchè ci sono i giusti tempi da rispettare, si risponde: ancora 5 minuti! solo 5 minuti ancora...

Certo, esistono i metodi, gli esercizi, le tecniche, le pratiche, i sistemi... e sono molti, per ottimizzare, prendere, gestire ed investire il tempo invece che perderlo o sottrarlo, per impiegare bene le ore a nostra disposizione, senza sprecarle.

Si può spaziare tra le affarmazioni positive, le tecniche di visualizzazione, la richiesta di un intervento esterno, si può anche chiedere aiuto degli Angeli, l'intervento dei Santi... per arrivare alla vera e propria gestione del tempo e della propria giornata, stilando un plan dettagliato, utilizzando in modo più intelligente e concreto anche le pause e gli intervalli.

E allora, non è più una mera questione di tempo (tempo inteso come lo scorrere delle ore).



Dedicando qualche minuto, una piccola pausa, alla navigazione in internet, ho trovato dei simpatici consigli per l’uso.

Ecco un semplice elenco di strategie, che condivido totalmente, utili per la lista delle priorità.
    • La tua casa deve essere solo vivibile, non maniacalmente pulita e/o ordinata. Se in casa tua devi usare le pattine per non sporcare o rigare il pavimento hai tutta la mia compassione. (spero che nessuno più abbia questa pessima abitudine!)
    • Se non ami il giardinaggio e passi i week-end a curare il tuo giardino, cambia casa, chiama il giardiniere o piastrella tutto. 
    • Se non ami cucinare, ricordati che si vive benissimo con cibi pronti: dal punto di vista salutistico un piatto di formaggio con pane e miele e un bel po’ di frutta sono meglio di tante cenette elaborate, magari venute così così per il tuo scarso amore per la cucina. 
    • Se non domicili le bollette o non usi la tecnologia per risparmiare tempo (per esempio ricercare dati, informazioni ecc. con Internet), aggiornati: il Medioevo è finito da un pezzo. 
    • Se devi sfoggiare un’auto sempre pulitissima, ricordati che puoi solo illuderti che l’auto sia il metro del tuo valore, anche se hai mangiato pane e insalata per dieci anni per comprarti quella di lusso per apparire anziché essere. 
    • L’ordine è importante quando serve per ritrovare le cose. Quando è fine a sé stesso è una vera e propria mania. 
    • Spendere tempo nello shopping è penoso (sindrome del compratore) se poi non si ha il tempo (e la voglia) di utilizzare ciò che si è comprato. 
    • L’approvvigionamento del cibo (spesa) può farsi una tantum uscire ogni giorno a comprarsi il pane o il latte è il modo migliore per far scorrere il tempo senza particolare significato. 
    • La televisione può essere anche piacevole (anche ovviamente non vale per Grande Fratello e simili), ma molti programmi “leggeri” non possono succhiarti tutto il tempo utile. Impara a gestirli in multitasking; mentre li guardi, fa altro: stira, sistema i conti di casa ecc. 
    • Il riposo è sacro, ma l’ozio è il modo migliore per sprecare la propria vita. Non c’è valida ragione per cui nei week-end ti debba alzare a mezzogiorno: l’unico vero motivo è che non hai niente da amare che ti spinga ad alzarti prima. 
    decalogo tratto dal sito: www.albanesi.it

    ...che Forza, Grazia e Leggerezza ci accompagnino sempre e per sempre!  *_* mv

    Nessun commento: