14 agosto 2016

Homemade, esperimenti: latte di mandorla

A volte mi viene un'ispirazione alchemico creativa, da piccolo chimico... e allora mi metto a trafficare, pasticciando in cucina.

Ho fatto il mio primo latte di mandorla. 

Che figata Pensavo fosse più complicato e che servisse per forza la caraffa apposita (che non costa nemmeno 2 soldi). Invece no, è semplice, facile e realizzabile. Sono riuscia a farlo persino io....! 

Basta organizzarsi e programmarlo per tempo. E' preferibile, infatti, stabilire in anticipo quando si vuole realizzare il latte di mandorla, ma solo per poter ottimizare la giornata e per non ritrovarsi con la cucina nel caos e con mille altre cose in sospeso da fare.

Per produrre all'incirca 1 litro di latte di mandorla (ne viene un pochino meno) occorrono solo due ingredienti e un frullatore: 200 gr mandorle e 1 litro di acqua.

Facoltivo, si può addolcire a piacere e secondo il proprio gusto. Io ho usato la stevia liquida, ma davvero pochissma, solamente 6 gocce che è l' equivalente di 2 cucchiaini di zucchero. Ma preferisco, nel caso, addolcirlo a parte, magari anche solo con la carruba al posto del cacao, o la vaniglia.

Piccola perla: per equilibrare il sapore della stevia che lascia un leggero retrogusto di liqurizia, aggiungere alcune gocce di limone (nella preparazione delle ricette in generale).


Dacchè mi piacciono le piccole varianti (personalizzazione) ho messo anche un pizzico di sale rosa dell'Himalaya. Ci voleva? Boh, non lo so! Lo sto mettendo dappertutto il sale rosa!

Procedimento.

Mettere le mandorle a bagno in acqua, coprire il contenitore e lasciarle in ammollo tutta la notte, o il tempo equivalente.

Al mattino si butta l'acqua e si sciacquano le mandorle sotto un getto di acqua calda. In questo modo diventa più facile togliere la pellicina che viene via velocissimamente e senza fatica.

Se non è possibile eseguire subito questo passaggio, si cambia l'acqua di ammollo e si mette il tutto in frigorifero e lo si lascia sino a quando si è deciso che, finalmente, ci si può dedicare alla preparazione della nostra bevanda homemade.

E' arrivato il momento di togliere le pellicine. 
Questa operazione è quella che richiede più tempo. Perciò organizziamoci prima. Io avevo un audio da ascoltare e ne ho approfittato: sono uscita in veranda con i miei auricolari e i due contenitori, quello con dentro le mandorle e una ciotolina per metterci le pellicine.

L'audio durava 20 minuti ed è terminato contemporneamente alla spellatura delle mandorle. Ti sembra tanto tempo 20 minuti? Considera che 200 grammi di mandorle non sono proprio pochine... Poi, può darsi che con l 'esperienza e la pratica ci si velocizzi. Non saprei dirti, è stata la mia prima volta!

Tra l'altro, mi piace ricordare che, occuparsi fisicamente, manualmente, di qualcosa, ci predispone ad un migliore ascolto, una concentrazione maggioreRicordiamocelo, così se non si vuoie che la nostra mente vada a spasso e a zonzo, perchè vogliamo focalizzarci su un pensiero particolare o la vogliamo orientare in una direzione ben precisa e mantenerla ferma, oppure quando vogliamo cantare/recitare un mantra, quando stiamo pregando... si può utilizzare una pratica del genere, che, se non ci sono mandorle da spellare, potrebbe essere: fagioli da sgranare, verdura da pulire e tagliare, cucire, stirare, lavoretti di giardinaggio o anche altre faccenduole domestiche...  fare una passeggiata, etc etc...

Così mentre portiamo avanti i lavoretti, che sono comunque da fare, contemporaneamente facciamo esercizio e un buon allenamento mentale  e intanto rieduchiamo la mente indisciplinata ad essere meno vagante

Beh, sì, anche questo è terapeutico
Ma torniamo al nostro latte di mandorla... 

Eravamo rimasti al togliere le pellicine... 
Bene, una volta fatto, si mettono le mandorle nel frullatore, e si aggiunge il litro d'acqua. Accendiamo e, in meno di un minuto il nostro latte è pronto!

Non ci resta che filtrare con un colino a rete spessa - sì sì lo so, si dice: a maglia fine... quello lì, insomma, ci siamo capiti! - o con l'aiuto di una tela di cotone, una garza o anche un calzino di nailon. Si versa in una bottiglia, meglio se di vetro, e il latte è pronto!

Al sapore, bisogna un po' abituarcisi... come a tutti i latti che non sono latte, ma bevande bianche fatte con...

La prossima volta voglio farlo con l'avena. Si possono tranquillamente usare i fiocchi, che è ancora più veloce, in quanto non c'è da fare nessuna operazione preparatoria, tranne che l'ammollo notturno. In qualche ricetta ho letto che si possono usare nche crudi, così come si presentano e anche che si può fare un ammollo breve, che è più che sufficiente, di mezz'oretta circa.

E con il resto del filtraggio, lo scarto delle mandorle, che si chiama okara, che ce ne facciamo?

Oggi, con una parte dell'okara di mandorle, ho fatto, improvvisato lì per lì, un formaggio raw. Ne ho preparato pochissimo perchè non avevo idea del risultato, l'unico che avevo fatto sino ad ora è stato il sostituto del grana grattuggiato... con lievito alimentare e una manciata di mandorle sminuzzate.

Tra l'altro mi è dispiaciuto di averne fatto poco, perchè è venuto buonobuono.
Ma sì, ti do pure questa ricettina!
  • 1 cucchiaio e mezzo di okara
  • 2 cucchiai di lievito alimentare 
  • 1 scalogno piccolo - anche il porro va bene
  • sale (rosa dell'Himalaya) quanto basta
  • 1 cucchiaino di olio extraverdine di oliva - facoltativo - vanno bene anche brodo o latte vegetale, o solo acqua e anche niente 
  • qualche goccia di limone
6 olive - aggiunte dopo, denocciolate e spezzettate.

Una frullatina e via. La consistenza era ok, necessitava solo di una aggiustatina di sale e sapore con spezie e erbe, nello specifico ho usato basilico e poco poco pepe. 

L'ho riposto, capovolto, in una ciotolina dentro al frigor per qualche minuto, il tempo di fargli prendere compattezza ed è pronto da gustare. 

Che bello, che buono e che soddisfazione!

Con l'okara di mandorle rimasta, probabilmente farò un dolcetto, o un altro formaggio vegan, oppure la (o lo? dubbio...) consumerò con lo yogurt, anche lui homemade.

...che Forza, Grazia e Leggerezza ci accompagnino sempre e per sempre!  *_* mv

Nessun commento: